Castello Di Carlo V Lecce

La costruzione del Castello Di Carlo V Lecce è dovuta a Carlo V d’Asburgo che nel 1539 decise di demolire la vecchia costruzione medioevale e far costruire una fortezza moderna e resistente a eventuali attacchi. La costruzione, nella sua parte esterna, fu attuata nei successivi dieci anni.

Lungo i secoli, il castello ebbe funzioni militari, difensive, ma anche artistiche, ospitando una sala da teatro. Per più di cento anni il Castello Di Carlo V fu distretto e caserma militare (1870-1979) e, attualmente, è la sede dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce.

Se decidi di andare a visitarlo, devi sapere che l’indirizzo esatto è Viale XXV Luglio, numero 32, comune di Lecce. Ubicato a ridosso del centro della città e vicino alla piazza Sant’Oronzo, il castello ha una posizione strategica e si erge sul tracciato orientale della cinta muraria.

Per raggiungere il Castello Di Carlo V da Brindisi, per esempio, ti basterà imboccare la Strada Statale 613 e continuare con la SS16 che ti porta direttamente a Lecce. Prendi il Viale Michele de Pietro e poi il Viale XXV Luglio che arriva fino al castello. Per muoverti in città potrai usare il servizio di Bike sharing o i mezzi pubblici della Sgm Spa.

Devi sapere che il Comune di Lecce organizza visite guidate al Castello Di Carlo V e alle mostre che si trovano al suo interno. Il castello ha un orario invernale e uno estivo. Nei mesi freddi, rimane aperto dalle 9 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.30, durante la settimana e dalle 9.30 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.30 durante il weekend. D’estate, invece, troverai aperto il castello dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 21 da Lunedì a Venerdì e dalle 9.30 alle 13 e dalle 17 alle 21, il Sabato e la Domenica. L’ingresso è gratuito.

Quello che devi vedere, una volta arrivato al castello più esteso della Puglia (ha una superficie di 13200 metri quadri) è la grande sala, posizionata nel corpo centrale, con i suoi bellissimi capitelli scolpiti con un motivo a “foglie d’acqua”, per poi salire al piano superiore dove ci sono vetrate imponenti, bellissimi particolari decorativi e il salone, recentemente restaurato, che ospita spesso mostre artistiche e varie manifestazioni. La forma del castello è quadrangolare e ha quattro bastioni: quello di S. Giacomo, di S. Croce, di S. Trinità e quello di S. Martino.

Tra i bastioni di S. Croce e S. Martino si trova l’entrata principale, la “Porta Reale” e, dal lato opposto, quella secondaria (“Porta Falsa o di Soccorso”). In passato, entrambe erano protette da ponti levatoi e da un fossato, colmato nel 1872.

Scopri tutte le nostre offerte per la tua vacanza a Lecce centro.

 

 

Photo credit: Paolo Margari

Articoli correlati
Lecce è una bellissima città da vedere e da visitare sia di giorno che di
A Lecce, immerso nel cuore del centro storico sorge il Museo Faggiano, un sito archeologico
Lecce è senza dubbio tra le città italiane più ricche di fascino artistico. Assoluto punto