Basilica Di Santa Croce Lecce

Lecce è senza dubbio tra le città italiane più ricche di fascino artistico. Assoluto punto di riferimento del territorio del Salento, Lecce è una mescolanza di assoluto valore dei resti risalenti all’epoca romana e delle pomposità esuberanti barocche.

A quest’ultimo filone appartiene la Basilica di Santa Croce, massima espressione della forma d’arte tipica di queste zone che ebbe il suo apice tra il 1500 e il 1700, il barocco leccese.

L’edificio risale infatti al 1548, dopo che il sovrano dell’epoca, Carlo V, decise di far abbattere la Chiesa che prima sorgeva esattamente su quel territorio e fatta costruire, poco meno di 200 anni prima, dall’allora duca di Lecce, Gualtieri IV.

I lavori di costruzione non furono rapidissimi, e vennero completati non prima del 1590, data in cui furono definiti anche i dettagli della facciata principale e si conclusero i lavori di costruzione della cupola.

Quest’opera fu commissionata con veemenza da Carlo V in quanto si riteneva che Lecce fosse una città strategica dal quale controllare e verificare i traffici del Mediterraneo ed il precedente edificio ostruiva la riorganizzazione territoriale messa in atto per prevenire gli attacchi degli invasori.

Il colonnato esterno in struttura liscia, fa da apripista alle coppie delle più ridotte colonne corinzie che abbracciano il portico. A fianco della Basilica di Santa Croce, unita alla parte sinistra, c’è il Convento dei Padri Celestini, storici gestori dell’intera Chiesa.

Varcando la soglia della Basilica, si possono ammirare le 5 navate centrali sorrette da ben 18 colonne che si estendono per tutta la lunghezza della Chiesa fino a culminare nell’arco trionfale al di sopra dell’altare. I capitelli, anch’essi in stile corinzio, sono adornati da frutta, fiori e visi d’angelo.

Ogni lato, sia a sinistra che a destra della navata principale, ospita sette cappelle in cui si ergono lucenti altari decorati e dedicati, ad esempio, a San Celestino, alla Madonna del Carmine e a Sant’Irene.

Tra tutti, una delle espressioni artistiche e religiose più importanti di tutta la regione pugliese si trova nel transetto sinistro: l’altare costruito in onore di San Francesco da Paola è un vero capolavoro del famoso architetto leccese Francesco Zimbalo che, nell’arco di un anno, tra il 1614 e il 1615, realizzò un’opera di altissimo livello stilistico, che dona ancora più importanza e maestosità a tutta la Basilica di Santa Croce.

Scopri tutte le nostre offerte per la tua vacanza in Salento.

 

Photo credit: il cantiere

Articoli correlati
Lecce è una cittadina incantevole. È soprannominata anche la “Firenze del sud” ed è caratterizzata
Piazza Sant'Oronzo a Lecce esprime oggi il risultato dei diversi stili che per secoli si